Benvenuto su TDN
Registrati o Esegui il login

Rosaria Capotosto, una di Noi

Salve Dott.ssa Capotosto, si presenta ai nostri lettori?
Buona sera a Lei , ma diamoci del tu lo preferisco. Chi sono ? Sono molto orgogliosamente una infermiera , sposata , due figli Anna Claudia e Rocco , lavoro presso l’Azienda Ospedaliera Ospedali Riuniti di Foggia , ho lavorato per quasi diciotto anni in Rianimazione e un bel giorno ho deciso di dedicarmi alle maxiemergenze e alla Protezione Civile , diventando , dicono, un buon volontario esperto di questo importante settore.
Alla fine dell’intervista vi dirò di quel giorno…e perché

Ci racconti la tua esperienza in Cives?
IMGP8114
Sono entrata nell’Associazione CIVES alla fine del 2006 , e vi sono entrata grazie a quello che mi aveva raccontato dell’Associazione , un grande infermiere , un mio grande amico siciliano . Vi sono entrata perché dal suo racconto sull’Associazione e sulla missione svolta in Sri Lanka , mi rendevo conto che una Associazione nata per consentire agli infermieri di fare gli infermieri volontari, aveva di sicuro le carte in regola per dare un utile contributo al sistema nazionale di protezione civile .

Ci parli dell’Associazione?
Si, con molto piacere . E’ il braccio operativo delle Federazione Nazionale Collegi IPASVI , e opera secondo i princìpi e le norme che regolano la professione infermieristica alle dirette dipendenze del Sistema nazionale di Protezione Civile . E’ iscritta dal 31 agosto 2013, in continuità rispetto al passato, nell’elenco centrale delle Organizzazioni di Protezione Civile, secondo le nuove regole della direttiva 194 del 9 Dicembre 2012. Nell’elenco nazionale , ed in particolare nell’elenco centrale , sono presenti quelle organizzazioni ( tra cui CIVES) che per caratteristiche operative e diffusione, assumono particolare rilevanza in caso di eventi di rilievo nazionale. E’ componente della Consulta Nazionale del Volontariato di Protezione Civile dal 2008 . Nel consiglio direttivo nazionale abbiamo componenti Elvira Granata (Cosenza) , Francesco Barbero (Torino) ,Tesoriere Claudio Quarta (Lecce) , Segretario Giuseppe Occhipinti (Ragusa) , Vicepresidente Guido Amato (Napoli) , Direttore Nazionale , io Rosaria Capotosto (Foggia) , e un grande , lasciamelo dire, Presidente Nazionale Michele Fortuna (Lecce). Si devono a lui la consistenza della squadra perché è un grande timoniere , e ovviamente a questa squadra che è riuscita a realizzare molto in continuità con quanto era stato fatto nel passato , in un periodo forse complicato della vita dell’associazione.

Come opera, si attiva e si interfaccia il Cives rispetto agli altri enti istituzionali ?

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Il Dipartimento di Protezione Civile che è un dipartimento della Presidenza del Consiglio dei Ministri , ha necessità di attivare la macchina dei soccorsi con immediatezza.
Per questo motivo,in caso di emergenza nazionale , attiva prontamente le Associazioni di rilievo nazionale (come CIVES) , e lo fa a seconda delle necessità evidenziate , vi sono associazioni che forniscono supporto logistico (campi di accoglienza) , associazioni che forniscono supporto nelle telecomunicazioni , supporto per la gestione del soccorso sanitario , e così via .
E’ chiaro ed evidente , che nel sistema operano varie strutture operative , quindi istituzioni ed Enti diversi , con le quali CIVES , e tutto il volontariato in generale si deve interfacciare .
I meccanismi di attivazione, e l’operatività dei singoli volontari , per essere efficaci hanno necessità di regole chiare da osservare , del rispetto delle procedure , e della conoscenza del concetto di sicurezza , per non inficiare , soprattutto nella fase acuta , l’opera dei soccorritori. Ivi compreso il soccorso territoriale del sistema 118, in cui molti dei nostri volontari operano nella quotidianità .
Per avere il massimo dell’efficacia, occorre dunque che questi momenti , siano preceduti da una adeguata formazione , che è fondamentale per non sentirsi “pesci fuori dall’acqua” .
In più i rapporti con la Federazione IPASVI e il Comitato Centrale sono direi molto buoni, così pure con la Cassa ENPAPI . Entrambi continuano a sostenerci nelle varie iniziative , perché hanno potuto constatare che dalle parole siamo passati ai fatti, fatti concreti ed evidenti, che hanno contribuito ad attuare quelle buone pratiche a favore del cittadino . Il SARI è realtà , come l’autorevolezza e il rispetto acquisito con gli anni , e che ci viene dimostrato dal Dipartimento di Protezione Civile e dalle altre organizzazioni nazionale che siedono al tavolo della Consulta.

Quali sono i progetti già realizzati e quelli futuri per l’Associazione?

OLYMPUS DIGITAL CAMERA
Diciamo che le idee non mancano , quel che è certo è che la scelta , all’indomani del sisma a L’Aquila , di dotarci di una Colonna Mobile è risultata vincente . Ti spiego meglio, prima del sisma , la nostra Associazione era una Associazione di tipo “leggero” ovvero , metteva a disposizione degli altri “la sola professione” . Ogni infermiere attivato ,partiva con il suo zainetto e operava , accreditato dal sistema , sui vari siti a seconda delle necessità .
Durante il sisma a L’Aquila , questa caratteristica è diventata una criticità ,
Avevamo fatto nascere le infermerie , una per campo , utilizzando le tende del ministero dell’Interno , e sentivamo crescere la necessità ma anche il desiderio , di avere una nostra collocazione , una nostra struttura per sentirci addosso ancora di più la nostra identità un luogo CIVES per gli infermieri CIVES.
La scelta di avere nel 2010 , una nostra colonna mobile , è risultata quanto mai opportuna perché successivamente la stessa Direttiva 194 del 2012, ha inserito che l’elemento fondamentale per l’iscrizione delle Organizzazioni ,nell’elenco centrale del dipartimento è proprio la dotazione di una Colonna Mobile.
La nostra Colonna Mobile è il SARI (Sistema Avanzato di Risposta Infermieristica) che oggi è evoluto nel PASS (posto di Assistenza Socio Sanitaria) dove secondo la Direttiva , questa struttura sanitaria campale , opera a garanzia della continuità assistenziale per “le altre vittime di una calamità”, che non sono i morti , ma quella popolazione che rimane senza servizi essenziali . Il PASS ha come elemento caratterizzante proprio quello di restare a disposizione della comunità , per tutto il tempo necessario fino al ripristino delle attività ordinarie .

E’ stata recentemente eletta come componente del Consiglio Esecutivo della Consulta Nazionale del Volontariato di Protezione Civile. Una dichiarazione in merito?
Si, un grande orgoglio mio ma anche di CIVES , che mi gratifica di tanto lavoro silenzioso , spesso notturno , ma credo e mi auguro consistente , svolto per l’Associazione e per la mia splendida professione.
Permettimi una dedica , ai miei figli , alla mia famiglia , che molto spesso ho sacrificato , ai miei genitori che sarebbero stati orgogliosi di me , e ai colleghi che hanno svolto e operato in missione per CIVES.

Ci risulta che sia l’unico rappresentante per la Sanità presente nel Consiglio Esecutivo della Consulta, è vero?
Si, è vero . Alle riunioni di Consulta ho potuto sempre confrontarmi con le altre Organizzazioni di tipo generalista che avevano e hanno , operatori sanitari al loro interno, e che svolgono benissimo le attività sanitarie. Per il Consiglio Esecutivo, c’è effettivamente una infermiera a rappresentare la Sanità.

E’ un traguardo prestigioso e storico per la professione infermieristica?
Direi di sì, ma conquistato sul campo , attraverso il vero volontariato .
Sono stata Volontaria in campo , terremotata tra i terremotati , anche a Pasqua o Natale, ho dormito tra i gradini della Palestra della Guardia di Finanza di Coppito , e lo rifarei cento volte, se necessario , credetemi.

In Italia ci sono moltissime associazione di volontariato di Protezione Civile: una dispersione di risorse umane e materiali oppure un valore aggiunto al sistema?
Se parliamo dei volontari, del valore etico , della passione che mettono in campo e della enorme forza lavoro , direi di sicuro un valore aggiunto . Il valore aggiunto sta anche nel fatto che parliamo di volontariato organizzato , vale a dire concretamente utile al sistema , rispettoso di quelle norme e delle regole che fanno parte della Protezione civile e che sono opportunamente dotati di attrezzature e mezzi .
Pensate a quei gruppi organizzati comunali che nelle piccole realtà sono strategici per supportare la loro comunità.
Una concreta verifica di quali e quanti mezzi sono presenti nelle varie regioni credo debba essere fatta , non si possono avere mezzi AIB ( antincendio boschivo) dove non c’è macchia mediterranea e viceversa , giusto per fare un esempio.
Ma non solo, una riflessione si deve fare anche per i Sindaci di quei comuni che redigono il piano comunale , e lo tengono chiuso nel cassetto e non lo divulgano ai principali fruitori , cioè i cittadini , molto spesso questi non sanno neanche dove sono i punti di raccolta corrispondenti del proprio quartiere.

Siamo in grado di affrontare una maxiemergenza in Italia?
Sicuramente sì ,ogni giorno molte persone testano procedure , e molti operatori sanitari e non pianificano la migliore risposta alle emergenze a seconda del rischio che insite su quel territorio, ma il lavoro è ancora molto lungo . Chi pensa che la migliore risposta sia un processo statico sbaglia, una procedura , un piano di emergenza va rimodulato e aggiornato nel tempo perché risulti sempre efficace .

Infermieristica e Protezione Civile: perchè se ne parla poco anche a livello formativo scolastico ed universitario?
In realtà già da qualche anno CIVES , parla di Infermieristica di Protezione Civile che come specializzazione supera di gran lunga l’Infermieristica in Protezione Civile .
La proposta di CIVES di un Master su questo tema sta seguendo un suo percorso grazie al Presidente nazionale Michele Fortuna . L’obiettivo è proprio quello di colmare quei “vuoti” di cui parlavi . Noi siamo convinti di aver fatto un po’ di strada a favore della nostra splendida professione , alcune volte in salita con non poca fatica, ma siamo qui , ginocchia sbucciate forse , ma più convinti di prima .
Forza e tenacia , che contraddistingue anche il comitato centrale e la nostra Presidente Annalisa Silvestro

E ora torniamo alla prima domanda e a quel giorno ?
111199-Foggia-La scena del crollo.Dario CaricatoAnsa
Il giorno è stato quello dell’11 novembre del 1999 , nella mia città crolla un palazzo di cinque piani , sotto le macerie una mia amica che muore insieme ad altre 66 persone e viene ritrovata , con in braccio il più piccolo dei suoi figli . E poi Alfredo Gramazio, un Vigile del Fuoco che morirà dopo un paio di giorni in rianimazione , per una crash sindrome , mi parla nei primi momenti di parziale lucidità del suo mondo , delle fatiche , anche delle paure ,e di come tutti si aspettano grandi atti dovuti ,senza mai soffermarsi a pensare al grande sacrificio che spesso tutto ciò comporta . Da quel giorno , da quella tragedia , ho cominciato un mio percorso , al di là del turno in rianimazione, ed oggi sono qua a parlarvi di me, di CIVES e del volontariato infermieristico . Un bel traguardo credo .

Se qualcuno volesse chiederle informazioni, potrebbe contattarla in qualche modo?
Certamente , sono a disposizione sempre per qualsiasi necessità la mia mail è
direttorenazionale@cives.org
Grazie a tutti e buon lavoro

Commenti

commenti

Pubblicato il: 13-03-2015

Nessun commento »

Non c'è ancora nessun commento.

RSS feed dei commenti a questo articolo. TrackBack URL

Lascia un commento

Occorre aver fatto il login per inviare un commento



Pubblicata da: The Daily Nurse

LOGIN VELOCE

HONCode

Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica.
Verifica qui.

Search only trustworthy HONcode health websites:

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a The Daily Nurse, e ricevere via mail le notifiche dei nuovi articoli.

Advertising

Advertising


speciale expo2015


Advertising

The Daily Opinion

  • massimo-baroni-ansa-300x200 Io, infermiere, censurato dal M5S! 11/03/2015 - Armi spuntate e polveri bagnate per l’on Baroni (M5s), dopo una settimana passata ad insultare e svilire TUTTA la categoria degli Infermieri, arriva la immancabile censura! L’On Baroni, evidentemente più sensibile alle istanze dei poveri medici (contratto di categoria a 113.000 € lordi/anno), se la prende con gli infermieri (contratto […]
  • infermieri4_thumb_medium250_250 Infermieri promotori di rinnovamento dell’assistenza 10/03/2015 - Il XVII Congresso della Federazione Nazionale Ipasvi del 5-6-7 Marzo di quest’anno ha segnato una grande partecipazione di infermieri provenienti da tutta Italia. L’alto contenuto in termini di dibattito ha dato la possibilità di trasmettere alla platea di infermieri presenti in sala e di quelli collegati in streaming quelle che […]
  • claudio Mozione di rilevanza 10/03/2015 - Si è conclusa la tre giorni degli Infermieri a Roma. La mozione finale la conoscete tutti, la trovate qui, poi c’ è stata l’ immancabile mozione, e non se ne sentiva il bisogno, dell’ex TSRM Ivan Cavicchi, la trovate qui. Ora, visto che tutti parlano degli infermieri, arrogandosi il diritto […]
  • 211905311-579dcd90-4fe9-4eb5-99db-bfb121bdbb2c la festa dell’oca? 08/03/2015 - 8 marzo in ospedale, l’infermiera trova la cartolina e la straccia. Il medico, invece, la posta su Facebook con commenti irripetibili. Su Facebook circola infatti la foto di un manifesto che è stato affisso negli ospedali Monaldi, Cotugno e Cto (Campania, http://www.ospedalideicolli.it/), con tanto di timbro dell’azienda recante una poesia di Guido Gozzano […]
  • Media-coverage Congresso FNC primo giorno 05/03/2015 - Primo giorno di congresso, seguiteci per i retroscena e curiosità. Un servizio diverso dagli altri. Tutti gli altri… The Daily Nurse Correlati Commenti commenti

The Daily Tweet

Advertising

WEB & APP

  • ascom Lo smartphone per gli infermieri (10/1/2014) - Ispirato dagli infermieri Gli infermieri sono gli eroi di tutti i giorni nell’assistenza sanitaria e meritano di avere un partner personale che li assista nel loro lavoro. Ecco perché abbiamo sviluppato Ascom Myco™ (Myco è la contrazione dell’inglese “My companion”, ovvero “Il mio compagno”). Si tratta di uno smartphone appositamente […]
  • images (1) Nota Informativa Importante su leuprorelina acetato (12/10/2014) - 10/12/2014 L’Agenzia Italiana del Farmaco rende disponibili nuove e importanti informazioni sul rischio di mancanza di efficacia a causa del processo non corretto di ricostituzione e somministrazione di Eligard (iniezione di leuprorelina acetato). Eligard è indicato per il trattamento del carcinoma prostatico avanzato ormono-dipendente ed è disponibile nelle formulazioni semestrale […]
  • download Amiko Inhaler (12/9/2014) - Siamo impegnati ad aiutare i pazienti cronici a gestire i loro farmaci e condurre una vita migliore. Amiko aiuta le persone a diventare più consapevoli dei loro comportamenti correlati alle medicazioni. Allo stesso tempo, Amiko fornisce supporto così si sentono più spensierato su di esso. Rendere la vita dei pazienti […]
  • DONAZIONE-ORGANI Sangue dalle Rape? (11/8/2014) - Dalle barbabietole l’emoglobina vegetale, ora si potrà “Cavare il sangue dalle rape” Le barbabietole si sa fanno buon sangue e sono spesso consigliate sia crude che sotto forma di succo per contrastare leggere forme di anemia. Ora però una nuova ricerca svedese sostiene che da in futuro sarà possibile ricavare del sangue […]
  • elysium La pillola che promette: “I feel good” (2/8/2015) - Un team di ricercatori ha progettato una pillola per la riparazione e la ottimizzazione metabolica. BASIS® è il primo di una linea di integratori alimentari creati per sostenere il metabolismo e la salute cellulare, migliorare le funzioni biologiche, come la riparazione del muscolo e la risposta anti infiammatoria, e promuovere un invecchiamento […]

I VOLTI QUOTIDIANI

  • 404581_4710566773113_1964369227_n Ferdinando Iacuaniello (11/1/2013) - Ciao Ferdinando, grazie per aver accettato di farti intervistare, ci faresti una breve descrizione di te, di cosa fai nella vita e del tuo curriculum formativo e lavorativo? Mi definirei semplicemente infermiere da 7 anni, lavoro da ormai 5 presso l’azienda Usl di Rimini, come molti colleghi mi tengo aggiornato […]
  • Cattura Jessica Casciato (10/30/2013) - Non lo faccio mai, ma per Jessica è necessaria una presentazione: Donna, Studentessa, Compagna. L’ho conosciuta e ci siamo subito scontrati, poi le affinità intellettuali hanno prevalso ed ora sono qui ad intervistarla. Grande J!   Ciao Jessica, grazie per aver accettato di farti intervistare, ci faresti una breve descrizione […]
  • 1394310_649664475096799_1976479073_a Massimo Rivolo (11/6/2013) - Ciao Massimo, grazie per aver accettato di farti intervistare. Ci faresti una breve descrizione di te, di cosa fai nella vita e del tuo curriculum formativo e lavorativo? Sono un infermiere libero professionista, ho sempre lavorato in forma individuale sin dal 1997, data in cui ho aperto la partita iva. […]
  • 321196_2157744097098_5456295_n Andrea Freddari (10/30/2013) - Ciao Andrea, grazie per aver accettato di farti intervistare, ci faresti una breve descrizione di te, di cosa fai nella vita e del tuo curriculum formativo e lavorativo? Ciao Claudio, mi sono diplomato come Infermiere nel 1996 con l’allora Diploma Regionale presso la “vecchia” Azienda “UMBERTO I°” di ANCONA. Puoi […]
  • 2023_333210293460507_1784140147_n-160x160 Annalisa Silvestro (4/2/2014) - Regione di elezione: Lombardia Nata il 9 novembre 1951 a Attimis (Udine)  Residente a Attimis (Udine) Professione: Infermiere – Presidente FN-IPASVI Elezione: 24 febbraio 2013 Proclamazione: 5 marzo 2013 Membro Gruppo PD Membro della 12ª Commissione permanente (Igiene e sanita’) Membro della Commissione parlamentare per l’infanzia e l’adolescenza Quando “il capo” si fa intervistare, la democrazia ringrazia. Sul mio Network il […]