Benvenuto su TDN
Registrati o Esegui il login

Otto medici su dieci promuovono l ‘infermiere specialista

corbis_42-21316529.900x600

Roma, 6 mar. (AdnKronos Salute) – Nove medici su 10 sono soddisfatti del loro rapporto con le professioni sanitarie. Il 94,2% – anche di più, quindi – lo è nei confronti proprio degli infermieri. E ben 8 su 10 ‘approvano’ la figura dell’infermiere specialista. Maggiormente favorevoli all’introduzione di questo ruolo le donne (84% contro 76% degli uomini), i medici più giovani e quelli dell’area neonatologico-pediatrica.

 

Sono i risultati dell’indagine ‘L’interazione medico-infermiere nelle strutture sanitarie’ condotta dall’Eures, Istituto di ricerche economiche e sociali, che ha analizzato, nel 2014, aree geografiche (Nord, Centro, Sud), generi (uomo, donna) e fasce di età (fino a 39 anni, 40-54 anni, 55 anni o più), in 212 strutture sul territorio nazionale, per un totale di 380 reparti coinvolti. La ricerca è stata presentata oggi al XVII Congresso della Federazione nazionale dei Collegi Ipasvi, in corso all’Auditorium Parco della musica di Roma.

 

Il problema delle relazioni tra medici e infermieri – messo in evidenza da qualche settimana per le critiche al ‘comma 566′ della Legge di stabilità 2015 che dà la possibilità normativa di prevedere competenze avanzate – quando c’è si riscontra a livello di ‘comando’. Sul piano della dirigenza (primari soprattutto), infatti, in una struttura su 4 non si affronta in genere la questione della collaborazione tra le diverse figure sanitarie, mentre il 4,2% la ‘tollera’ pur non incentivandola, e un residuale 0,5% la ostacola. In generale, però, il 79,3% dei medici è favorevoli all’introduzione dell’infermiere specialista, sulla quale è già pronto un accordo Stato-Regioni. In particolare, il 25,6% dei medici si dice “del tutto favorevole” e il 53,7% “abbastanza favorevole”, mentre il 20,7% è contrario. In realtà solo l’11,9% di tutti i medici intervistati è contrario, perché ritiene che la figura genererebbe sovrapposizione e confusione dei ruoli. Oltre 2 medici su 3 sono convinti che la presenza dell’infermiere specialista sarà “molto” o “abbastanza utile ed efficace” in tutte le aree mediche in cui sarà impegnato.

 

Maggiormente favorevoli alla presenza degli infermieri specialisti in corsia sono i medici dei reparti di medicina generale (75,5%) e di neonatologia/pediatria (74,3%), seguiti dai medici impegnati nell’area intensiva e dell’emergenza/urgenza e da quelli della salute mentale e dipendenze (66,7% in entrambi i casi). Una valutazione positiva di utilità/efficacia c’è anche tra i chirurghi (63,5%) e i medici dell’area delle cure primarie e servizi territoriali (55%), tra i quali tuttavia gli ‘scettici’ sono il 45%.

 

Sono inoltre i medici ospedalieri (87%) e quelli che non svolgono attività intramoenia (87,6%) ad apprezzare di più la proposta, riconoscendo il valore aggiunto, le potenzialità e le positive ricadute che potrà avere una figura infermieristica con competenze avanzate. Sul fronte opposto, la condivisione scende di circa il 20% tra i medici che lavorano anche presso studi privati o che svolgono soprattutto intramoenia, tra i quali i contrari salgono rispettivamente al 35,2% e al 35,1%. L’area dei contrari è poi maggiore nelle più alte gerarchie mediche: 36,4% tra i dirigenti delle Unità operative complesse (comunque favorevoli nel 63,7% dei casi), a fronte del 14,6% dei direttori delle Unità operative semplici (favorevoli nell’85,4% dei casi). La collaborazione tra le diverse figure sanitarie sembra costituire quasi un imperativo nella gestione delle Uo, visto che oltre 7 dirigenti su 10 la “promuovono” o la “impongono”.

 

E sono i dirigenti delle strutture private (accreditate/convenzionate) a sostenerla di più (86,4% dei casi) rispetto a quelli delle strutture pubbliche (71,2%), dove invece, più frequentemente, i dirigenti tendono a non occuparsene (24,1% dei casi contro il 13,1% delle strutture accreditate/convenzionate). “La ricerca – sottolinea Annalisa Silvestro, senatrice e presidente della Federazione Ipasvi – dimostra che c’è bisogno di professionalità sempre maggiori e soprattutto di una forte collaborazione trasversale per aiutare davvero il cittadino e ottimizzare i servizi. Si devono abbandonare quindi le trincee ideologiche e nessuna famiglia professionale deve arrendersi a essere quella di tanti anni fa e nessuna deve prevalere su nessun’altra. La parola magica, la chiave del futuro, è fare rete e collaborare. Ognuno con le proprie competenze che devono e possono, la ricerca lo sottolinea, crescere e cambiare perché l’evoluzione dell’assistenza lo richiede”.

 

TDN™

Commenti

commenti

Pubblicato il: 06-03-2015

Nessun commento »

Non c'è ancora nessun commento.

RSS feed dei commenti a questo articolo. TrackBack URL

Lascia un commento

Occorre aver fatto il login per inviare un commento



Pubblicata da: The Daily Nurse

LOGIN VELOCE

HONCode

Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica.
Verifica qui.

Search only trustworthy HONcode health websites:

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a The Daily Nurse, e ricevere via mail le notifiche dei nuovi articoli.

Advertising

Advertising


speciale expo2015


Advertising

The Daily Opinion

  • 211905311-579dcd90-4fe9-4eb5-99db-bfb121bdbb2c la festa dell’oca? 08/03/2015 - 8 marzo in ospedale, l’infermiera trova la cartolina e la straccia. Il medico, invece, la posta su Facebook con commenti irripetibili. Su Facebook circola infatti la foto di un manifesto che è stato affisso negli ospedali Monaldi, Cotugno e Cto (Campania, http://www.ospedalideicolli.it/), con tanto di timbro dell’azienda recante una poesia di Guido Gozzano […]
  • Media-coverage Congresso FNC primo giorno 05/03/2015 - Primo giorno di congresso, seguiteci per i retroscena e curiosità. Un servizio diverso dagli altri. Tutti gli altri… The Daily Nurse Correlati Commenti commenti
  • media_nurse Le 10 immagini di infermieri che siamo stufi di vedere 03/03/2015 - Noi del Daily Nurse passiamo un sacco di tempo alla ricerca di immagini da inserire nei nostri articoli, il che significa passare un sacco di tempo a guardare le immagini di infermieri. A volte però, si passa il segno. Foto, banali, stereotipi, miti e preconcetti sugli Infermieri. Arrivati a questo punto ci viene da ridere. […]
  • 9c0fc81d-e3e8-4a3d-89d2-b8e7133b5989 XVII Congresso FNC IPASVI – Live coverage 03/03/2015 - A Roma, dal 5 al 7 marzo 2015, la professione infermieristica rifletterà sul proprio essere nel sistema salute del Paese partendo dagli elementi che connoteranno un nuovo patto per l’assistenza tra cittadini e infermieri. The Daily Nurse, presente con tutti i suoi collaboratoti (molti in incognito) offrira una completa copertura delle […]
  • Sen. Edward Hernandez, D-West Covina Legge del Senato Californiano 323, il nostro comma 566? 01/03/2015 - Il Senatore Ed Hernandez ha di recente proposto un disegno di legge in California (il Senate Bill 323) così che gli infermieri possano fare quello che sono già preparati a fare senza la supervisione di un medico. Un simile sforzo è naufragato due anni fa a causa della forte opposizione della California Medical Association, una […]

The Daily Tweet

Advertising

WEB & APP

  • 10689798_505813086221888_6734215213777431601_n Sanità: uso improprio dell’auto aziendale, è peculato!!! (10/17/2014) - Risponde di peculato, chi usa l’auto aziendale, per scopi personali. E’ quanto viene contestato al direttore sanitario della Asl di Teramo, Camillo Antelli. Il giudice per le indagini preliminari lo ha rinviato a giudizio, accogliendo la richiesta avanzata dal sostituto procuratore a conclusione della indagini condotte dai Carabinieri del reparto […]
  • images SEMINARI ANTROPOLOGIA MEDICA (11/18/2014) - Sabato 29 novembre, ore 9.30-13 e 14-18 SEMINARI ANTROPOLOGIA MEDICA Il concetto di sofferenza sociale ha avuto una portata fortemente innovativa in antropologia e in salute pubblica, consentendo di costruire nessi causali tra struttura sociale, riproduzione delle disuguaglianze e salute. I principali modelli teorici ed esperienze di riorganizzazione dei servizi […]
  • 200907313325001 - Copia La secessione Toscana (12/2/2014) - Il la secessione Toscana è un movimento indipendentista e secessionista interno ad IPASVI. I fini principali che tale movimento persegue,e per i quali ha deciso di costituirsi sono: Ottenere l’ isolamento dei collegi Ipasvi e degli Infermieri della regione Toscana dal resto d’ItaliaInstaurare uno stato autonomo e sovrano Toscano, in sintonia col Principato di Bari […]
  • dislessia La Dislessia, istruzioni per l’ uso… (12/17/2014) - La Dislessia: introduzione La Dislessia è un Disturbo Specifico dell’Apprendimento (DSA). Con questo termine ci si riferisce ai soli disturbi delle abilità scolastiche ed in particolare a: DISLESSIA, DISORTOGRAFIA, DISGRAFIA E DISCALCULIA. La principale caratteristica di questa categoria è le sue specificità, ovvero il disturbo interessa uno specifico dominio di […]
  • images (1) Nuovo strumento per la cura del diabete. (12/15/2014) - Milano, 10 dic. (askanews) – Un nuovo strumento nella cura del diabete. La Commissione Europea ha approvato l’immissione in commercio di dulaglutide, un agonista del recettore del GLP-1 sviluppato e prodotto da Eli Lilly & Company, soluzione per iniezione in monosomministrazione settimanale per il controllo glicemico negli adulti con diabete […]

I VOLTI QUOTIDIANI

  • aac6e0cb29525256b2be091e2780aad1c3585408 Nino Cartabellotta (4/7/2014) -   Ciao Nino, grazie per l’intervista. Ti presenti ai nostri lettori? Sono nato a Palermo dove, dopo la laurea in Medicina e Chirurgia, ho conseguito negli anni ’90 le specializzazioni in Gastroenterologia e in Medicina Interna. Sin dagli anni universitari mi sono dedicato con grande passione alla metodologia clinica e […]
  • claudio-torbinio Claudio Giulio Torbinio (10/15/2013) - Ciao Claudio, grazie per aver accettato di farti intervistare, ci faresti una breve descrizione di te, di cosa fai nella vita e del tuo curriculum formativo e lavorativo? Attualmente lavoro a tempo indeterminato presso gli ospedali riuniti di Ancona, dopo un 20 ennio dedicato all’ informatica anche all’ estero (australia), […]
  • michaela Sensazioni di professione… (10/6/2014) - Solo una voce rimbombo’ nella mia mente quel primo Maggio, era la sua voce che mi diceva fiera “il tuo sapere donalo, condividilo, non esiste niente di più nobile”, ed ancora “noi siamo chi decidiamo di essere, la scelta è nostra, puoi scegliere di essere ricordato o dimenticato, di eccellere […]
  • Cattura Jessica Casciato (10/30/2013) - Non lo faccio mai, ma per Jessica è necessaria una presentazione: Donna, Studentessa, Compagna. L’ho conosciuta e ci siamo subito scontrati, poi le affinità intellettuali hanno prevalso ed ora sono qui ad intervistarla. Grande J!   Ciao Jessica, grazie per aver accettato di farti intervistare, ci faresti una breve descrizione […]
  • mauro_di_fresco Mauro di Fresco (1/27/2014) - Prof. Di Fresco, grazie per aver accettato di farsi intervistare. Si presenta ai nostri lettori? Sono un infermiere universitario assegnato presso la sala operatoria della chirurgia plastica del Policlinico di Roma. Nel 1994 mentre preparavo delle flebo medicate con un farmaco sperimentale altamente cancerogeno, l’ausiliaria con il giornale in mano […]