Benvenuto su TDN
Registrati o Esegui il login

Personale sanitario per tutti, in ogni Paese!

Un appello ai decisori politici europei, per rafforzare il personale e i sistemi sanitari in una prospettiva di sostenibilità a livello globale

Il mondo ha bisogno di oltre 7,2 milioni di operatori sanitari, e l’Europa è parte del problema. La crisi legata alla carenza di personale sanitario rappresenta una delle principali minacce per la salute globale, e sta avendo un impatto particolarmente lesivo del diritto alla salute in molti Paesi a medio e basso reddito.

Alcuni Paesi europei reclutano in giro per il mondo personale sanitario formato localmente: una pratica insostenibile che alimenta le diseguaglianze in salute e indebolisce i sistemi sanitari dentro e fuori l’Europa.

L’Europa può essere parte della soluzione se implementa pratiche di assunzione del personale condivise a livello globale. Nel 2010 l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha definito una roadmap per rafforzare gli opertori sanitari in una prospettiva di sostenibilità globale. Il “Codice di condotta dell’OMS per il reclutamento internazionale del personale sanitario” (che chiameremo Codice OMS) affronta le cause strutturali della migrazione e del brain drain, compresa la formazione del personale sanitario, il trattenimento in servizio nei Paesi d’origine, le condizioni di lavoro, la remunerazione, i finanziamenti e i diritti.

Nonostante il Codice OMS, tuttavia, un vero consenso politico sulla gestione sostenibile del personale sanitario e delle sue migrazioni a livello regionale e globale rimane molto lontano. In molti Paesi si scontrano interessi potenti, ma spesso di corta visione; in altri, per di più, le misure di austerità comprimono la spesa sanitaria e limitano l’implementazione di specifiche iniziative politiche.

L’Unione Europea e i suoi Stati membri devono prendere una posizione ferma in questo dibattito. Il personale sanitario è un elemento fondamentale di un modello di Stato sociale e di welfare che caratterizza l’identità europea e deve essere sostenuto a livello globale.

Per questo chiediamo ai decisori politici in Europa e in Italia di dimostrare la propria capacità di leadership su questo tema, e di assicurare una coerenza delle politiche che determinano questo settore, per sostenere una presenza sostenibile di personale sanitario all’interno e fuori dall’Europa. Le raccomandazioni contenute in questo appello sono rivolte alle istituzioni europee e a quelle degli Stati membri, come contributo positivo in questa direzione.

Registrati e firma l’appello!

Un appello – cinque raccomandazioni

Questo appello è lanciato dal progetto “Health workers for all and all for health workers” (HW4All), un’iniziativa della società civile europa finanziata dall’Unione europea che contribuisce a garantire una presenza di personale sanitario sostenibile in tutto il mondo

Firma l’appello!

Per firmare hai bisogno di registrarti alla piattaforma collaborativa online HW4All


L’appello è supportato da:

European Forum for Primary Care
www.euprimarycare.org

European Public Health Alliance
www.epha.org

Equinet: The Network on Equity in Health in Southern Africa
www.equinetafrica.org

Global Health Workforce Alliance
www.who.int/workforcealliance

Health Workforce Advocacy Initiative
www.hwai.org

Medicus Mundi International. Network Health for All
www.medicusmundi.org

 

(1) Pianificare e formare a lungo termine il personale sanitario, puntando all’autosufficienza

Pianificare e prevedere il fabbisogno futuro di operatori sanitari senza ricorrere al reclutamento internazionale è la chiave per lo sviluppo sostenibile del personale sanitario a livello globale, ed è un passaggio fondamentale per evitare di alimentare la fuga dei cervelli.

Chiediamo all’Europa e ai suoi Stati membri di:

  • Sviluppare e implementare processi di previsione e pianificazione del fabbisogno di operatori sanitari. E’ necessario includere più settori, istituzioni e stakeholders – come le associazioni professionali e i soggetti della formazione, i pazienti e le rappresentanze della società civile – e collegare questi processi con i meccanismi decisionali che orientano i sistemi sanitari e formativi;
  • Sviluppare e implementare strategie nazionali onnicomprensive per i sistemi sanitari e per il loro personale. E’ necessario connettere la pianificazione ad un obiettivo di autonomia rispetto al personale sanitario formato all’estero, attraverso programmi di formazione di alta qualità;
  • Rafforzare la ricerca e la raccolta di dati su dotazioni e flussi di risorse umane in sanità a livello nazionale. Per migliorare la collaborazione e lo scambio di dati a livello bilaterale, regionale e globale, l’“Azione congiunta europea sulla previsione e la pianificazione del personale sanitario” può essere considerata un utile punto di riferimento per future piattaforme di collaborazione e dovrebbe avere un’adeguata prosecuzione.
  Fai click qui per saperne di più

(2) Investire sul personale sanitario

La spesa pubblica nel settore della salute è un investimento necessario. Può sostenere lo sviluppo del personale sanitario e ha un impatto positivo sulla salute della popolazione, che è un bene comune globale. Tende anche a collocare i Paesi in una posizione più solida rispetto all’impatto dell’attuale crisi economica: investire in salute – e nella protezione sociale – può nei fatti accelerare la ripresa.

Chiediamo all’Europa e ai suoi Stati membri di:

  • Proteggere i servizi sanitari pubblici efficienti – in particolare i servizi di prevenzione e delle cure primarie – dai tagli alla spesa; i sistemi sanitari pubblici devono diventare un’area di crescente investimento per gli Stati europei che hanno bisogno di uscire dalla crisi economica e dalla recessione;
  • Sviluppare meccanismi di valutazione dell’impatto delle politiche fiscali sulla salute. I ministri della Salute dovrebbero diventare una parte attiva e responsabile nelle decisioni sulla spesa pubblica, sia nei negoziati nazionali sia a livello europeo;
  • Sottrarre gli investimenti pubblici essenziali – come quelli in ambito sanitario e la spesa sociale – dalla base di calcolo del deficit nazionale. Questo garantirà che l’implementazione delle recenti politiche fiscali europee, compresi il “Six Pack” e il “Fiscal Compact”, non andrà a ridurre la spesa sociale – in sè produttiva e positiva – al di sotto del livello di guardia;
  • Includere gli investimenti sul personale sanitario nel “Processo di riflessione su sistemi sanitari moderni, efficienti e sostenibili”, basato sull’approccio “Investire in salute” presentato dalla Commissione europea.
  Fai click qui per saperne di più

(3) Rispettare i diritti degli operatori sanitari migranti

I professionisti del settore sanitario che vengono da fuori Europa hanno tutto il diritto di crescere professionalmente e costruire carriere a lungo termine, a prescindere da dove vivano. La loro presenza è un beneficio per i sistemi sanitari europei, e i loro diritti e competenze professionali devono essere valorizzati.

Chiediamo all’Europa e ai suoi Stati membri di:

  • Garantire pari trattamento e pari diritti ai lavoratori migranti del settore sanitario – compresi i lavoratori che usufruiscono di visti per trasferimenti all’estero intraziendali – sia nei processi di selezione che nell’impiego, assicurando la piena portabilità dei diritti previdenziali e pensionistici;
  • Rendere le agenzie per il lavoro pienamente responsabili dal punto di vista legale dell’informazione che forniscono ai lavoratori migranti rispetto ai loro diritti;
  • Integrare le voci degli operatori sanitari nella definizione delle politiche a livello comunitario e nazionale. Il processo deve includere gli operatori sanitari migranti e i loro organi di rappresentanza;
  • Rendere l’Approccio globale dell’UE in materia di migrazione e mobilità (GAMM) – e, più in generale, l’intera Nuova agenda per gli affari interni attualmente in discussione – sensibile all’impatto sullo sviluppo dei paesi partner. Sia nel caso di lavoratori altamente qualificati sia di quelli poco qualificati, l’UE deve garantire che gli attuali e futuri Partenariati per la mobilità, le Agende comuni in materia di migrazione e mobilità, i pacchetti di migrazione circolare, i meccanismi come la “Blue Card” e le altre direttive e strumenti rilevanti, siano coerenti con il Codice OMS. Essi dovrebbero consentire diritti a rientri agevolati verso l’UE, ma anche contenere incentivi tangibili per il reinsediamento degli operatori sanitari nei Paesi di origine – dopo l’esperienza nella UE – in buone condizioni, compresa la trasferibilità della previdenza sociale e dei diritti pensionistici acquisiti in Europa.
  Fai click qui per saperne di più

(4) Pensare e agire coerentemente a livello nazionale, regionale e globale

La coerenza delle politiche con gli obiettivi di sviluppo globale è un obbligo legale previsto dal Trattato di Lisbona. Gli incroci intersettoriali qui discussi tra migrazione, sanità, cooperazione allo sviluppo, fiscalità e politiche per l’occupazione devono essere sempre considerati, mentre l’impatto dell’incoerenza della politica deve essere corretto.

Chiediamo all’Europa e ai suoi Stati membri di:

  • Adottare una strategia-quadro per la coerenza delle politiche relative allo sviluppo del personale sanitario dentro e fuori l’Europa. Questa deve portare all’allineamento delle politiche di sanità pubblica dell’UE con gli obiettivi di sviluppo, includere la dimensione della migrazione e contenere obiettivi politici chiari e azioni concrete;
  • Sviluppare meccanismi di attuazione di questa strategia-quadro. E’ necessario che tali meccanismi siano inter-istituzionali e intersettoriali, oltre ad essere inquadrati all’interno dei più ampi strumenti di attuazione di coerenza delle politiche per lo sviluppo in discussione a livello europeo: tra questi, le valutazioni ex ante dell’impatto delle politiche sulla salute; un sistema di arbitrato gestito dal Presidente della Commissione; il monitoraggio dell’implementazione delle politiche e le valutazioni ex-post; i dialoghi multi-stakeholder anche a livello delle delegazioni dell’UE; un meccanismo di reclamo aperto ad attori non europei e un chiaro processo di revisione delle politiche;
  • Invertire la tendenza attuale a contenere o ridurre gli aiuti allo sviluppo nel settore sanitario. L’UE e gli Stati membri dovrebbero garantire che il 50% degli aiuti per la salute sia volto a rafforzare i sistemi sanitari, con un 25% che abbia un impatto diretto sulla formazione e la fidelizzazione del personale sanitario – come raccomandato dall’OMS – convogliando i fondi attraverso i piani sanitari nazionali;
  • Sviluppare un dialogo politico con i Paesi di origine del personale sanitario migrante. Esso dovrebbe prendere in considerazione la perdita di investimenti e di competenze, a fronte del vantaggio maturato dai Paesi di destinazione, mirando a porre rimedio a tale perdita;
  • Promuovere la ricerca e l’elaborazione politica su possibili meccanismi di compensazione. Queste dovrebbero chiarire quali attori possano essere risarciti; la natura della perdita subita; la logica e i metodi di calcolo di quanto dovuto; ed i canali per la gestione dei fondi di compensazione;
  • Sfruttare appieno il potenziale dei Fondi strutturali europei per ri-orientare i sistemi socio-sanitari verso l’equità e migliorare la distribuzione degli operatori sanitari all’interno dell’UE. Questo può essere fatto attraverso un sostegno alle misure volte a trattenere in servizio il personale sanitario nei Paesi europei di origine, e grazie a scambi di buone pratiche tra professionisti nei Paesi di origine e in quelli di destinazione. A livello nazionale sono necessari un approccio strategico a lungo termine e azioni di capacity building intensivo per sfruttare questo potenziale;
  • Promuovere l’adesione ai codici di condotta esistenti, al fine di proteggere i sistemi sanitari pubblici. Ciò dovrebbe impegnare tutti gli attori di sviluppo, comprese le ONG e le iniziative multilaterali.
  Fai click qui per saperne di più

(5) Fare la propria parte nell’applicazione del Codice OMS

Gli attori europei devono prendere una posizione ferma nel dibattito sul personale sanitario globale, mettendo saldamente al centro delle proprie azioni la ricerca di equità in salute in tutti i Paesi.

Chiediamo all’Europa e ai suoi Stati membri di:

  • Assumere posizioni al più alto livello politico che orientino la leadership e l’operatività del settore pubblico verso l’equità in salute;
  • Diffondere e discutere ampiamente il Codice OMS e trasferirne gli elementi chiave nella legislazione nazionale e regionale: in particolare, la limitazione del reclutamento attivo da Paesi con gravi carenze di personale sanitario, o con carenze emergenti
  • Sviluppare e attuare meccanismi di accountability. Questi dovrebbero includere consultazioni delle parti interessate a livello nazionale e regionale, oltre ad un monitoraggio  trasparente dell’attuazione del Codice OMS in seno all’Assemblea Mondiale della Sanità, al Parlamento europeo e ai parlamenti nazionali.

Commenti

commenti

Pubblicato il: 13-11-2014

Nessun commento »

Non c'è ancora nessun commento.

RSS feed dei commenti a questo articolo. TrackBack URL

Lascia un commento

Occorre aver fatto il login per inviare un commento



Pubblicata da: The Daily Nurse

LOGIN VELOCE

HONCode

Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica.
Verifica qui.

Search only trustworthy HONcode health websites:

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a The Daily Nurse, e ricevere via mail le notifiche dei nuovi articoli.

Advertising

Advertising


speciale expo2015


Advertising

The Daily Opinion

  • massimo-baroni-ansa-300x200 Io, infermiere, censurato dal M5S! 11/03/2015 - Armi spuntate e polveri bagnate per l’on Baroni (M5s), dopo una settimana passata ad insultare e svilire TUTTA la categoria degli Infermieri, arriva la immancabile censura! L’On Baroni, evidentemente più sensibile alle istanze dei poveri medici (contratto di categoria a 113.000 € lordi/anno), se la prende con gli infermieri (contratto […]
  • infermieri4_thumb_medium250_250 Infermieri promotori di rinnovamento dell’assistenza 10/03/2015 - Il XVII Congresso della Federazione Nazionale Ipasvi del 5-6-7 Marzo di quest’anno ha segnato una grande partecipazione di infermieri provenienti da tutta Italia. L’alto contenuto in termini di dibattito ha dato la possibilità di trasmettere alla platea di infermieri presenti in sala e di quelli collegati in streaming quelle che […]
  • claudio Mozione di rilevanza 10/03/2015 - Si è conclusa la tre giorni degli Infermieri a Roma. La mozione finale la conoscete tutti, la trovate qui, poi c’ è stata l’ immancabile mozione, e non se ne sentiva il bisogno, dell’ex TSRM Ivan Cavicchi, la trovate qui. Ora, visto che tutti parlano degli infermieri, arrogandosi il diritto […]
  • 211905311-579dcd90-4fe9-4eb5-99db-bfb121bdbb2c la festa dell’oca? 08/03/2015 - 8 marzo in ospedale, l’infermiera trova la cartolina e la straccia. Il medico, invece, la posta su Facebook con commenti irripetibili. Su Facebook circola infatti la foto di un manifesto che è stato affisso negli ospedali Monaldi, Cotugno e Cto (Campania, http://www.ospedalideicolli.it/), con tanto di timbro dell’azienda recante una poesia di Guido Gozzano […]
  • Media-coverage Congresso FNC primo giorno 05/03/2015 - Primo giorno di congresso, seguiteci per i retroscena e curiosità. Un servizio diverso dagli altri. Tutti gli altri… The Daily Nurse Correlati Commenti commenti

The Daily Tweet

Advertising

WEB & APP

  • 7c7c74b2-8d17-44f2-a03b-cf06c2752e03 Paolo Traversa (11/8/2014) - Genova ha il suo Infermiere cantautore E’ con molto piacere che accogliamo e vi invitiamo ad ascoltare, il videoclip realizzato da Paolo Traversa, infermiere genovese che ha composto e dedicato una canzone a tutti noi Infermieri. Il Collegio IPASVI ha patrocinato la realizzazione di questo video che intende promuovere per […]
  • hearth Registro Italiano Arresti Cardiaci – RIAC e studio EuReCa ONE (12/20/2014) - Ogni anno circa 60.000 persone sono colpite da arresto cardiaco in Italia. Se le pratiche di rianimazione vengono effettuate entro un brevissimo tempo, riescono ad avere successo in circa il 40% dei casi, ma la morte può sopravvenire durante il ricovero post ROSC. Nel nostro paese, tuttavia, i dati epidemiologici […]
  • ebolavirusmine Ebola: speculatore mette in vendita Ebola.com per 150mila dollari (10/20/2014) - Washington, 14 ott. (AdnKronos Salute) Jon Schultz, imprenditore di Las Vegas che ha il pallino di acquistare su Internet i domini di malattie e disastri, mette in vendita il sito Ebola.com per 150mila dollari. “E’ un prezzo ragionevole, riceviamo ogni giorno richieste di vendita, la nostra pagina viene visualizzata 5mila […]
  • ansia 3 Calmare l’Ansia…Accettandola (10/21/2014) -   Riesci a calmare l’ansia? Ti è mai capitato di essere colto da un attacco d’ansia all’improvviso e non sapere cosa fare? Magari nei momenti in cui meno te lo aspetti, per esempio al lavoro: di colpo senti i muscoli contrarsi e uno stato d’allerta che non ti sai spiegare […]
  • voxpopuli Vox Populi… (3/7/2015) - Voci ed interventi autorevoli al XVII Congresso Ipasvi: «Basta con la riduzione numerica dei professionisti e con l’ibernazione dei loro compensi – ha affermato la Presidente della Federazione IPASVI, senatrice Annalisa Silvestro – legata ai tagli lineari che minano alla base il livello e la qualità dell’assistenza, mettendo a rischio la […]

I VOLTI QUOTIDIANI

  • fototessera_degano Andrea Degano (10/21/2013) - Ciao Andrea, grazie per aver accettato di farti intervistare, ci faresti una breve descrizione di te, di cosa fai nella vita e del tuo curriculum formativo e lavorativo? Cercherò di essere molto sintetico. La mia vita in breve: ho 34 anni, vivo nelle Marche, sono sposato ed ho una figlia. […]
  • Ermellina-Silvia-Zanetti Ermellina Zanetti (11/20/2014) -   Buongiorno Ermellina Zanetti si presenti ai Ns lettori Mi sono diplomata infermiera nel 1983. Successivamente ho conseguito l’abilitazione a funzioni direttive e nel 2008 la laurea magistrale. Ho lavorato dal 1983 al 1992 presso l’ospedale S. Orsola Fatebenefratelli di Brescia, prima come infermiera e poi come coordinatore. Dal 1992 […]
  • 321196_2157744097098_5456295_n Andrea Freddari (10/30/2013) - Ciao Andrea, grazie per aver accettato di farti intervistare, ci faresti una breve descrizione di te, di cosa fai nella vita e del tuo curriculum formativo e lavorativo? Ciao Claudio, mi sono diplomato come Infermiere nel 1996 con l’allora Diploma Regionale presso la “vecchia” Azienda “UMBERTO I°” di ANCONA. Puoi […]
  • Cattura Fabrizio Benatti (10/29/2013) - Ciao Fabrizio, grazie per aver accettato di farti intervistare, ci faresti una breve descrizione di te, di cosa fai nella vita e del tuo curriculum formativo e lavorativo? Mi chiamo Benatti Fabrizio, ho 38 anni e mi sono Diplomato infermiere nel Novembre del 2002 presso l’Università degli Studi di Modena […]
  • 1002505_1378159729113018_1868012300_n Ana Teresa Andrade (3/13/2014) - Ciao Ana, ti presenti ai nostri lettori ? Ciao a tutti , il mio nome è Ana Teresa , sono una Recruitment Consultant portoghese di Oporto , in Portogallo. Ho 34 anni , 2 figli e amo il mio lavoro !   Ana Teresa Andrade , che cosa significa essere […]