Benvenuto su TDN
Registrati o Esegui il login

Federica Angeli – Presto una intervista su SanitĂ  e corruzione

 

10313311_717375188321205_8279372555374339247_nGiornalista di Repubblica, ha testimoniato su uno scontro a fuoco. Minacciata dai clan per un inchiesta a Ostia, ha denunciato. 

 

Cronista di nera e di giudiziaria, in servizio alla redazione romana di Repubblica, la giornalista Federica Angeli vive sotto scorta permanente dal 17 luglio 2013 a causa delle minacce di morte subite due mesi prima, a Ostia, mentre raccoglieva informazioni per il suo giornale.

 

La cronista stava svolgendo un’inchiesta sul racket degli stabilimenti balneari, ma questo non è l’unico motivo che costringe Federica a condurre una vita blindata. La notte del 15 luglio, infatti, fu casualmente testimone oculare di uno scontro a fuoco nel quale furono coinvolti personaggi dello stesso ambiente del racket. Interrogata dai Carabinieri, Federica raccontò ciò che aveva visto e, da quel giorno, le intimidazioni e le minacce sfecero più gravi. Con le sue inchieste, con quella testimonianza Federica aveva messo il dito nella piaga malavitosa del litorale romano.

 

Nella primavera del 2013, insieme ad altri colleghi, Federica ha svolto per Repubblica un’inchiesta giornalistica, raccogliendo informazioni sul campo. Tema: la spartizione del litorale di Ostia realizzata dalle organizzazioni mafiose locali con la complicità di politici locali. L’inchiesta è stata poi pubblicata su Repubblica.it il 28 giugno. La cronista subì le prime minacce di morte proprio mentre parlava con i personaggi coinvolti, allo scopo di raccogliere informazioni.

 

Per prima cosa, la cronista si recò presso lo stabilimento Orsa Maggiore, per fare domande sullo stato societario. “Era il 23 maggio 2013. Insieme a due collaboratori di Repubblica mi presentai all’ingresso dello stabilimento. Avevamo la telecamera. I miei collaboratori la tenevano acesa, ma puntata in basso, per non dare l’impressione che stessimo registrando. Mi qualificai come giornalista e chiesi di parlare con Spada. Mi risposero che lì non c’era nessuno che si chiamasse Spada. Ma riconobbi uno degli uomini che mi stavano di fronte: era Armando Spada. Mentre parlavo, loro si accorsero che la telecamera era accesa e perciò si alterarono. Armando Spada mi intimò di consegnare subito la cassetta registrata. Disse che se non l’avessi fatto mi avrebbe ‘sparato in testa’ e aggiunse che se lo diceva lui dovevo crederci”.

 

“Non sapevo cosa dire. Cercai di minimizzare, presi tempo. Ma quegli uomini bloccarono i miei operatori e – spiega la giornalista – mi separarono da loro. Armando Spada e un altro uomo mi trascinarono con modi bruschi in una stanzetta dello stabilimento. Mi perquisirono, mi fecero mille domande. Volevano sapere cosa volevo veramente da loro. Non sapevo come uscire da quella situazione e sentivo con angoscia la responsabilità di avere messo in quella situazione anche i miei giovani collaboratori. Cercai di tranquillizzare quelle persone che esercitavano su di me una forte pressione psicologica che mi teneva prigioniera. Li rassicurai sule mie intenzioni. Dissi che avrei consegnato la registrazione e la cosa sarebbe finita lì”.

 

“Quell’interrogatorio durò due interminabili ore, finché – ha aggiunto Federica Angeli – finalmente riuscii a calmarli. Mi ricondussero davanti ai miei operatori e io dissi loro di cancellare la registrazione. I miei collaboratori riuscirono a fare credere che, per un errore tecnico, non avevano registrato nulla, che il nastro era vuoto. Così ci lasciarono andare. In realtà i ragazzi avevano ‘salvato’ il filmato. Avevano registrato anche le minacce. Quanche giorno dopo abbiamo pubblicato quel video su Repubblica.it“.

 

La cronista riferì l’episodio al responsabile dei notiziari online che soprintendeva al suo lavoro e, d’accordo con lui, proseguì l’inchiesta, riservandosi di denunciare i fatti in un secondo tempo. “Così due giorni dopo le minacce di Spada – ha raccontato la cronista – andai a intervistare Paolo Papagni, socio e fratello del presidente dell’Assobalneari, la società che rappresenta i gestori dei bagni. Gli chiesi, davanti alla telecamera, se era vero, come si diceva, che aveva favorito il passaggio della concessione in favore degli Spada. Alcune fonti mi avevano riferito che poteva esserci proprio lui dietro i cinque roghi dolosi appiccati a diversi stabilimenti balneari della zona, e glielo feci presente”.

 

“A quel punto Papagni mi chiese di spegnere la telecamera, mi disse di lasciar perdere e mi minacciò. Disse che se avessi pubblicato le immagini di quell’intervista, usando le sue potenti conoscenze, mi avrebbe fatto perdere il lavoro a Repubblica. Il giorno successivo ribadì le stesse frasi intimidatorie al telefono”. A quel punto Federica andò a denunciare le minacce.

 

Il 15 luglio repubblica.it pubblicò i due video di Federica Angeli per cui era stata minacciata. Il 15 luglio è una data cruciale di questa storia. Quella notte, fuori dalla bisca “Italy Pocker” di Ostia, si fronteggiarono con coltelli e pistole esponenti di due dei clan mafiosi che si contendevano il racket degli stabilimenti. Federica Angeli ne fu testimone oculare per puro caso.

 

fedeossigeno-300x200“Ero in casa. Sentii dalla strada – ha raccontato la giornalista – un uomo che urlava: ‘Non sparare, fermo!’. Poi sentii echeggiare due colpi di pistola. Mi affacciai al balcone, come tanta altra gente, e vidi la scena. In strada c’erano degli uomini che correvano. Da una parte due esponenti del clan Spada, dall’altra parte due uomini del clan Triassi. C’era Marco Esposito, detto ‘Barboncino’, pregiudicato appartenente all’ex batteria Fasciani. Risultò poi che era stato accoltellato alla spalla, al polmone e alla giugulare e aveva esploso due colpi di pistola, ferendo al polpaccio Ottavio Spada, che era accompagnato da Romoletto Spada. I Triassi avevano avuto la peggio”.

 

“Avvertii subito carabinieri e polizia, scesi in strada dove raccolsi un po’ di informazioni. Qualche ora dopo fui convocata alla caserma dei Cc di Ostia. Mi chiesero di riferire ciò che avevo visto. Il 16 luglio i carabinieri mi chiesero di tornare in caserma per chiedermi ulteriori particolari e per firmare la denuncia. Quel giorno su Repubblica c’era il mio articolo sulla sparatoria di Ostia“.

 

L’inchiesta di Federica contribuĂŹ a risvegliare l’attenzione degli investigatori sull’evoluzione dei racket a Ostia. Dopo mesi e mesi, una inchiesta giudiziaria sui nuovi affari dei boss si concluse con una grande operazione di polizia che ebe nel mirino proprio i clan di cui si era occupata la cronista con la sua inchiesta. “Ero sotto scorta da quattro giorni, il 21 luglio 2013, quando – ha ricordato – l’operazione scattò. La squadra mobile fece una maxi retata a Ostia, arrestando 51 persone, tra cui gli interi clan Fasciani e Triassi”.

 

La giornalista ha subìto altre intimidazioni anche nei mesi successivi, mentre era sotto scorta. “A ottobre 2013 Ottavio e Romoletto Spada, che dopo la sparatoria di luglio erano finiti agli arresti domiciliari, erano tornati liberi per decorrenza dei termini. Il 16 ottobre si presentarono sotto il balcone di casa mia e brindarono ostentatamente, guardando verso di me, che ero affacciata al balcone a fumare una sigaretta”, racconta la giornalista. “Qualche tempo dopo, in piena notte, ho sentito in strada gente che gridava verso la mia finestra: ‘Infame, gli infami muoiono!’. Avevo venduto da un paio di mesi la mia vecchia auto a un privato. Pochi giorni dopo, il nuovo proprietario mi disse che era stata data alle fiamme. Anche per questo episodio presentai una denuncia. Un giorno Romoletto Spada incontrò mio figlio e davanti a lui fece un gesto intimidatorio: gli gece il segno della croce”.

 

Purtroppo la tensione non si è mai sciolta da quel 17 luglio 2013. “L’ultima evidente intimidazione che ho subìto risale all’11 marzo di quest’anno. Mi trovavo in un bar di Ostia insieme a due amiche. Fuori – ha riferito Federica – c’erano gli uomini della scorta a sorvegliare. A un certo punto, mentre parlavo con le mie amiche, mi sentii gelare il sangue. All’interno del bar c’era Romolo Spada che mi fissava. Quando mi alzai per uscire dal bar, mi sbarrò la strada mettendosi fermo davanti a me a braccia conserte. Un modo per dirmi che lui sa sempre dove mi trovo e che, se vuole, può avvicinarsi a me”.

 

“È passato un anno da quando ho subìto le prime minacce. Le persone che mi hanno minacciato circolano liberamente. Spero che tutto questo finisca. Che chi mi ha minacciato sia processato. Spero – ha concluso la giornalista – che questa situazione si sblocchi e io possa tornare alla mia libertà. Questa condizione mi pesa molto, ma non sono pentita di nulla. Se tornassi indietro rifarei esattamente tutto ciò che ho fatto”.

fonte: http://www.ossigenoinformazione.it/

Claudio G. Torbinio

 

Commenti

commenti

Pubblicato il: 11-07-2014

Nessun commento »

Non c'è ancora nessun commento.

RSS feed dei commenti a questo articolo. TrackBack URL

Lascia un commento

Occorre aver fatto il login per inviare un commento



Pubblicata da: The Daily Nurse

LOGIN VELOCE

HONCode

Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilitĂ  dell'informazione medica Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilitĂ  dell'informazione medica.
Verifica qui.

Search only trustworthy HONcode health websites:

Iscriviti via mail

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a The Daily Nurse, e ricevere via mail le notifiche dei nuovi articoli.

Advertising

Advertising


speciale expo2015


The Daily Opinion

  • stressotto Stop alla reazione immunitaria infermieristica 19/03/2015 - Le reazioni immunitarie esagerate provocano danni all’organismo, e la loro manifestazione può essere davvero pericolosa per la sopravvivenza e lo sviluppo dell’individuo. Ora è il momento di pensare al bene dell’individuo e cercare quindi di mettere da parte le cause (motivazioni) che provocano la reazione antigene-anticorpo. Vi starete chiedendo quale […]
  • coltan-diamanti-insanguinati Chiamami coltan… 19/03/2015 - ATTENZIONE, IMMAGINI FORTI Vi siete mai chiesto cosa c’è dietro il nostro smartphone? il coltan, e tante guerre e tanti schiavi… Coltan e cassiterite. La maggior parte di voi non sa neanche cosa siano, sebbene li abbiate ogni giorno tra le mani. Sono due minerali, utilizzati per costruire i componenti elettronici di cellulari e […]
  • maxresdefault Sciogliete le righe… 18/03/2015 - La riconferma della FNC Ipasvi nel solco del cammino intrapreso sulle competenze specialistiche e la odierna presa di posizione delle Senatice Annalisa Silvestro sparpaglia le truppe antagoniste e scompagina la protesta orchestrata dai soliti noti, il  motto? Sciogliete le righe. Non c’è piĂš nulla cui appellarsi, su cui cavillare (o cavicchiare); la […]
  • get_involved Infermieri, un impegno politico, per un movimento politico 17/03/2015 -   Con la riforma della spesa (spending review) che prevede ancora “tagli lineari”, la politica e l’ infermieristica sembrano lontanissime l’una dall’altra. Abbiamo dimostrato che gli infermieri possono curare una nazione intera, lo facciamo da anni, quindi: Infermieri, Salute, Politica e Cittadini rappresentano un continuum ineludibile. Un filo rosso unisce Noi Cittadini per […]
  • 579 #maisenzainfermieri 16/03/2015 - QUESTA NON È UNA PETIZIONE, MA UNA CAMPAGNA CHE PERMETTE DI FAR ARRIVARE A ENRICO ROSSI UN MESSAGGIO CHE NON POTRÀ IGNORARE GRAZIE AI MECCANISMI MEDIATICI INNESCATI DA MEGASHOUTS. ENRICO ROSSI RICEVERÀ IL MESSAGGIO ATTRAVERSO PIÙ MEZZI: SOCIAL NETWORK, GIORNALI, TV, RADIO, PUBBLICITÀ ONLINE, MANIFESTI, VOLANTINI, UOMINI SANDWICH E ALTRI […]

Advertising

The Daily Tweet

Advertising

WEB & APP

  • Movember-Man-Made-Moustaches-Pin MOVEMBER (11/11/2014) - La Movember Foundation è l’organizzazione globale che lotta per cambiare la faccia della salute maschile. La comunitĂ  Movember ha giĂ  raccolto oltre USD $559 milioni e sta finanziando piĂš di 800 programmi permanenti in 21 paesi. Questo lavoro sta salvando e migliorando le vite degli uomini con cancro della prostata […]
  • Cattura Una nuova tecnologia “indossabile” per individuare le malattie (8/20/2014) - La tecnologia offre oggetti per ogni uso ormai, ora anche il monitoraggio delle patologie. Un vapor sensor indossabile, che è attualmente in fase di sviluppo presso l’ UniversitĂ  del Michigan, potrebbe offrire la possibilitĂ  del monitoraggio continuo di patologie in pazienti che hanno: diabete, malattie polmonari, anemia, ipertensione arteriosa. Il mercato della tecnologia […]
  • dislessia La Dislessia, istruzioni per l’ uso… (12/17/2014) - La Dislessia: introduzione La Dislessia è un Disturbo Specifico dell’Apprendimento (DSA). Con questo termine ci si riferisce ai soli disturbi delle abilitĂ  scolastiche ed in particolare a: DISLESSIA, DISORTOGRAFIA, DISGRAFIA E DISCALCULIA. La principale caratteristica di questa categoria è le sue specificitĂ , ovvero il disturbo interessa uno specifico dominio di […]
  • Cattura Visioni e Visure 2 di 4… (11/16/2014) - Continua la saga Nursind Pisa – Pegaso Lavoro, perte II – QUI LA PRIMA PARTE …Però, controllando con attenzione, e limitandoci al solo bilancio (e conto economico) depositato (al 31.12.2012) è emerso che le entrate ammontano a Euro 362.041 Curiosamente, sempre dallo stesso bilancio depositato, emerge che il costo di […]
  • cns West Nile Virus: dal Centro Nazionale Sangue aggiornamenti (10/3/2014) - In riferimento alle misure preventive contro il West Nile Virus  è confermata anche per l’anno in corso  la sospensione dalla donazione di sangue o emoderivati per 28 giorni per chiunque abbia soggiornato dal 1° luglio al 30 novembre 2014, anche solo per una notte,  nelle  localitĂ  sotto riportate:   La sospensione  è […]

I VOLTI QUOTIDIANI

  • 6650_1183898604054_4153830_n Luigi Pais dei Mori (6/3/2014) -   Dott Pais, si presenta ai Ns lettori? Luigi Pais dei Mori, 40 anni, orgogliosamente e radicalmente Infermiere. Curriculum di tutto rispetto, come lo mette al servizio degli Infermieri? La ringrazio per la gentilezza; in realtĂ  ho sempre cercato di fare quello che mi piaceva e questo mi ha portato […]
  • 1002505_1378159729113018_1868012300_n Ana Teresa Andrade (3/13/2014) - Ciao Ana, ti presenti ai nostri lettori ? Ciao a tutti , il mio nome è Ana Teresa , sono una Recruitment Consultant portoghese di Oporto , in Portogallo. Ho 34 anni , 2 figli e amo il mio lavoro !   Ana Teresa Andrade , che cosa significa essere […]
  • 37853_1342889377747_4323598_n Enzo Palladino (12/29/2013) - Palladino Enzo grazie per l’ intervista. Ti presenti? Sono infermiere da circa 20 anni, prima diplomato e poi laureato! Due master di primo livello acquisiti ed uno in corso di acquisizione. Dirigente sindacale, nel tempo, a tutti i livelli territoriali. Ho 44, quasi 45 anni, e lavoro presso gli Ospedali Riuniti […]
  • adduci Alessandro Adduci (1/31/2014) - Ciao Alessandro, grazie per aver accettato di farti intervistare. Ci faresti una breve descrizione di te, di cosa fai nella vita e del tuo curriculum formativo e lavorativo? Alessandro Adduci etĂ  40 anni infermiere da 20, dopo molti anni di infermieristica in sala operatoria ho conseguito nel 2006 il master […]
  • giusdonzuso Ciao Pino… (1/16/2015) - Se fai bene il tuo lavoro, ti attribuiranno secondi fini egoistici, non importa tu fallo bene. Se realizzi i tuoi obiettivi, troverai falsi amici e veri nemici, non importa realizzali. Fai la cosa giusta anche se domani verrĂ  dimenticata, tu falla. L’onestĂ  e la sinceritĂ  ti rendono vulnerabile, ma tu […]