Benvenuto su TDN
Registrati o Esegui il login

Luigi Pais dei Mori

6650_1183898604054_4153830_n

 

  1. Dott Pais, si presenta ai Ns lettori?

Luigi Pais dei Mori, 40 anni, orgogliosamente e radicalmente Infermiere.

  1. Curriculum di tutto rispetto, come lo mette al servizio degli Infermieri?

La ringrazio per la gentilezza; in realtà ho sempre cercato di fare quello che mi piaceva e questo mi ha portato ogni giorno alla necessità di studiare, di approfondire, di farmi divorare dalla curiosità che è nascosta nelle mille sfaccettature delle nostra meravigliosa Professione. Primariamente cerco di mettere a disposizione la mia passione, la mia dedizione e la voglia di fare la mia (piccola) parte per contribuire al cambiamento dell’Infermieristica Italiana. Abbiamo vissuto 20 anni di cambiamenti epocali, dal Profilo Porfessionale, all’abolizione del mansionario, alla nascita del primo codice deontologico, l’Infermiere in Università, laureato, laureato magistrale, con master post-lauream, dottore di ricerca… penso che nessuno vent’anni fa poteva immaginare una tale evoluzione. Ma moltissimo rimane ancora da fare per radicare l’identità professionale, purtroppo a volte anche negli stessi Infermieri, ed ognuno di noi ha la propria responsabilità ogni giorno, in ogni momento dell’esercizio professionale. Come? Se ho ben chiaro chi sono, qual’è il mio ruolo e le mie responsabilità (o meglio, la mia Disciplina Professionale) posso in ogni momento riflettere sull’appropriatezza del mio agire e di quello che mi viene richiesto, sul confine con le altre professioni, sull’Essere Infermiere e non Tuttologo-Tuttofare-Tappabuchi. Questo è quello che vorrei trasmettere ai Colleghi con cui parlo.

  1. Infermiere libero professionista? Come si fa?

Con coraggio e determinazione. Purtroppo in questi periodi incontro spesso Colleghi che, per necessità legate alla contingenza, si vedono “costretti” ad aprire una partita iva per lavorare. Ma la Libera Professione è principalmente un atteggiamento mentale che si declina in agire professionale. Nel 2003 mi sono licenziato dalla mia Azienda perchè ero convinto che “si potesse fare meglio”; dopo 11 anni sono certo di “aver fatto meglio” e che c’è ancora tanto da fare e migliorare. A chi sta meditando sulla scelta dico sempre di pensare fuori dagli schemi, di prepararsi a studiare di nuovo per essere adeguato alle richieste. Un libero professionista è un imprenditore e noi italiani ci salveremo primariamente grazie alla nostra innata creatività. Pensi che bello: Infermieri creativi, innovatori ed innovativi nell’esercizio di una delle arti più nobili ed antiche.

  1. Il 2014 sarà anno di elezioni Ipasvi, si presenterà?

Bella domanda. A volte penso di essere nel Consiglio Direttivo del Collegio IPASVi di Belluno da troppo tempo (12 anni); a volte penso di aver solo iniziato un cammino e di dover andare avanti. Nell’ultimo triennio abbiamo fatto tanto per cambiare, per essere più “a servizio” del Cittadino e degli Infermieri. La mia Provincia è caratterizzata da un territorio vasto, orograficamente importante, con tempi di percorrenza per raggiungere un presidio ospedaliero spesso disagevoli. L’Infermiere deve essere un cardine del Sistema Salute della Provincia e può fare la vera differenza nella risposta ai bisogni di salute di una popolazione svantaggiata. Abbiamo tanto lavorato per radicare l’immagine dell’Infermiere, adesso vorrei il salto quantico professionale… sì, credo che mi candiderò.

  1. Con chi farà squadra (anche se squadra è un termine aleatorio), con la attuale?

Ho avuto l’onore e la fortuna di avere un Consiglio Direttivo di Colleghi di altissimo livello e solo grazie a loro ho potuto realizzare quello che mi proponevo ed andare anche più in là. Per il progetto a cui sto pensando ho bisogno di Infermieri “hungry and foolish” ; farò squadra con chi si sentirà in grado di accettare la sfida del cambiamento… e con qualche temerario/a che ho in mente.

  1. Infermieri e competenze avanzate; un Suo giudizio?

Preferisco chiamarle “competenze specialistiche”, perchè “avanzate” mi sembra quasi di richiamare qualcosa che è avanzato dal piatto di altri… e questo è stato uno degli equivoci (o delle strumentalizzazioni…) su cui si è basata la bagarre. La storia dell’Italico Infermiere è strana: gli “avanzamenti di grado” (mi si passi il termine) sono a volte arrivati “ex lege” per ratificare situazioni clinico-organizzative ormai radicate e consolidate. Pensi al periodo ante 1999: quale Infermiere esperto di urologia non era in grado di mettere un Tiemann? Eppure era abuso di professione medica. Quale Infermiere che operava in Area Critica non era in grado di praticare un prelievo arterioso? Eppure era abuso di professione medica… e potrei continuare per un pezzo. Ora, qualcuno, neppure troppo furbescamente, vuole applicare lo stesso ragionamento di illegittimità a pratiche cliniche ormai consolidate in molte realtà. I medici di Pronto Soccorso capiscono bene il valore del see and treat e per loro nulla osta. Il problema è la responsabilità? Bisognerebbe spiegare loro che il mondo nel frattempo è cambiato ed il Cittadino stesso ha abolito il medicocentrismo. Questo è il vero problema, a mio avviso, il sistema salute sta rapidamente cambiando e necessita di risposte che NON sono, per la maggior parte, afferenti al medico.

  1. Perchè il 30% degli infermieri, pur pagandola, non conosce IPASVI? Mentre spende cifre ben superiori per il sindacato?

Il 30% mi sembra una stima al ribasso, purtroppo. Per quanto mi riguarda, ho preso la palla da un altro verso. Sono partito da “cosa posso fare io, Collegio, per farmi capire”; troppo spesso i Colleghi vedono l’Ordine come una gabella e basta e, in buona parte, è colpa nostra che non rendiamo visibile il nostro lavoro. Mi sono impegnato tutto il triennio per capovolgere quest’idea e dimostrare che la quota ritorna nelle tasche degli Infermieri in termini di servizi, cultura, presenza, consulenza, ecc. A Belluno nemmeno un euro di quanto pagato dagli Iscritti si tramuta in compenso per il Consiglio Direttivo e le sue Cariche Istituzionali; chi è stato eletto fa puro volontariato a servizio degli Infermieri. Ho visto che questi messaggi positivi e soprattutto i risultati concreti hanno pagato l’impegno profuso. Chi si rivolge al Sindacato chiede risposte concrete, azioni reali. Su questo voglio continuare a lavorare: sulla concretezza del Collegio e sul suo ruolo. Molti Colleghi non sanno cosa fa l’uno e cosa fa l’altro, la differenza tra Istituzione dello Stato e Associazione, ruoli, competenze, responsabilità. Si dovrebbe lavorare in sinergia nel rispetto delle reciproche peculiarità di ruolo.

  1. Non trova che la percentuale di affluenza alle elezioni sia ridicola? Cosa fare per invogliare i colleghi a votare?

Dura lex, sed lex”; sicuramente paghiamo un regolamento elettorale con criteri svantaggiosi e fuori dal tempo, ma credo anche che l’affluenza ridicola (e invalidante) sia figlia di quanto sopra; la disaffezione verso il Collegio richiama da un lato la crisi di identità professionale e dall’altra la poca consapevolezza dell’importanza della rappresentanza istituzionale. “Cosa fa il Collegio”? Rendiamolo evidente! “Perchè devo pagare per lavorare”? Spieghiamolo! E spieghiamo anche cosa ne deriva da questo in termini di servizi, tutela, immagine professionale, scelte politiche. Coinvolgiamo gli Infermieri nelle scelte, facilitiamo la partecipazione all’Assemblea, che lo ricordo, è l’organo apicale del Collegio. Ha ragione da vendere la Presidente Silvestro quando dice che la prima linea non è Il Comitato Centrale della Federazione, ma i Collegi Provinciali, dove si giocano le partite direttamente e dove si può (e si deve) incidere sulla Professione, sui Professionisti e sui Cittadini. Troppo spesso leggo ridicole affermazioni sulla totipotenza di Silvestro, che dovrebbe essere onnipresente, onnisciente e, siccome è Senatrice della Repubblica, dovrebbe, con la sola imposizione della mani, cambiare un Sistema Salute, dominato da lobbies che non sono certo “nurse friendly”.

  1. Sindacato si o no in IPASVI? Si farebbe appoggiare da un sindacato?

Nel richiamato rispetto dei diversi ruoli, Sindacati NO se entra in Collegio come Sindacato. Nel mio Consiglio Direttivo ho Colleghi iscritti a qualche Sindacato, che, patti chiari – amicizia lunga, correttamente lasciano la tessera fuori da ogni riunione del Consiglio. Ci sono interi Consigli Direttivi eletti grazie all’afflusso di massa pilotato… fa parte della democrazia, ma a volte è andata molto male.

  1. Ci vedremo alla Leopoldainfermieri Veneto allora?

Certo! A Rovigo, il 14 giugno, hungry and foolish!

Grazie per l’ intervista Dott Pais

Grazie a Lei , Dott. Torbinio!

 

 



Commenti

commenti

Pubblicato il: 03-06-2014

Nessun commento »

Non c'è ancora nessun commento.

RSS feed dei commenti a questo articolo. TrackBack URL

Lascia un commento

Occorre aver fatto il login per inviare un commento



Pubblicata da: The Daily Nurse

LOGIN VELOCE

HONCode

Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica.
Verifica qui.

Search only trustworthy HONcode health websites:

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a The Daily Nurse, e ricevere via mail le notifiche dei nuovi articoli.

Advertising

Advertising


speciale expo2015


Advertising

The Daily Opinion

  • massimo-baroni-ansa-300x200 Io, infermiere, censurato dal M5S! 11/03/2015 - Armi spuntate e polveri bagnate per l’on Baroni (M5s), dopo una settimana passata ad insultare e svilire TUTTA la categoria degli Infermieri, arriva la immancabile censura! L’On Baroni, evidentemente più sensibile alle istanze dei poveri medici (contratto di categoria a 113.000 € lordi/anno), se la prende con gli infermieri (contratto […]
  • infermieri4_thumb_medium250_250 Infermieri promotori di rinnovamento dell’assistenza 10/03/2015 - Il XVII Congresso della Federazione Nazionale Ipasvi del 5-6-7 Marzo di quest’anno ha segnato una grande partecipazione di infermieri provenienti da tutta Italia. L’alto contenuto in termini di dibattito ha dato la possibilità di trasmettere alla platea di infermieri presenti in sala e di quelli collegati in streaming quelle che […]
  • claudio Mozione di rilevanza 10/03/2015 - Si è conclusa la tre giorni degli Infermieri a Roma. La mozione finale la conoscete tutti, la trovate qui, poi c’ è stata l’ immancabile mozione, e non se ne sentiva il bisogno, dell’ex TSRM Ivan Cavicchi, la trovate qui. Ora, visto che tutti parlano degli infermieri, arrogandosi il diritto […]
  • 211905311-579dcd90-4fe9-4eb5-99db-bfb121bdbb2c la festa dell’oca? 08/03/2015 - 8 marzo in ospedale, l’infermiera trova la cartolina e la straccia. Il medico, invece, la posta su Facebook con commenti irripetibili. Su Facebook circola infatti la foto di un manifesto che è stato affisso negli ospedali Monaldi, Cotugno e Cto (Campania, http://www.ospedalideicolli.it/), con tanto di timbro dell’azienda recante una poesia di Guido Gozzano […]
  • Media-coverage Congresso FNC primo giorno 05/03/2015 - Primo giorno di congresso, seguiteci per i retroscena e curiosità. Un servizio diverso dagli altri. Tutti gli altri… The Daily Nurse Correlati Commenti commenti

The Daily Tweet

Advertising

WEB & APP

  • tumblr_lk2zz2o3UR1qialuso1_r2_500 Calcola l’ età del tuo cuore (5/30/2014) - Se vi state chiedendo circa le vostre probabilità di avere un attacco di cuore, o forse quando potrebbe colpire, un calcolatore online sviluppato da Joint British Societies può essere in grado di dirvelo. In un nuovo studio, un gruppo di organizzazioni britanniche hanno unito le forze ed è arrivato ​​ad una […]
  • rsu-150x150 Rinnovo Rsu: si vota il 3, 4 e 5 marzo 2015 (10/29/2014) - L’Aran e le Confederazioni sindacali hanno sottoscritto ieri il Protocollo per la definizione del calendario delle votazioni per il rinnovo delle RSU del personale dei comparti. dove sono previsti le tempistiche relative a tutti gli adempimenti necessari per il rinnovo delle RSU in scadenza nel prossimo anno. Le elezioni si terranno […]
  • lezioni Cdl infermieristica (11/15/2014) - Ciao Claudio! Hai possibilità di scrivere un articolo per contrastare una delle tante inesattezze scritte e divulgare per il web?! Leggo che oltre a contestare il sistema infermieristico ora si tenta anche di contestare il sistema universitario. Essendo ancora per poco studente devo dire che il Corso di laurea in […]
  • Movember-Man-Made-Moustaches-Pin MOVEMBER (11/11/2014) - La Movember Foundation è l’organizzazione globale che lotta per cambiare la faccia della salute maschile. La comunità Movember ha già raccolto oltre USD $559 milioni e sta finanziando più di 800 programmi permanenti in 21 paesi. Questo lavoro sta salvando e migliorando le vite degli uomini con cancro della prostata […]
  • 144021880-86214770-501b-4305-afa6-0df66eb56925 Se abiti con un fumatore è come se vivessi a Pechino (10/22/2014) - Un non fumatore che vive insieme a una persona che fuma, è come se abitasse in una delle città più inquinate al mondo. di TOMMASO PERRONE Vivere con una persona che fuma significa esporsi a un grado di inquinamento pari a quello di una città invasa dallo smog, come possono […]

I VOLTI QUOTIDIANI

  • 7c7c74b2-8d17-44f2-a03b-cf06c2752e03 Paolo Traversa (11/8/2014) - Genova ha il suo Infermiere cantautore E’ con molto piacere che accogliamo e vi invitiamo ad ascoltare, il videoclip realizzato da Paolo Traversa, infermiere genovese che ha composto e dedicato una canzone a tutti noi Infermieri. Il Collegio IPASVI ha patrocinato la realizzazione di questo video che intende promuovere per […]
  • mauro_di_fresco Mauro di Fresco (1/27/2014) - Prof. Di Fresco, grazie per aver accettato di farsi intervistare. Si presenta ai nostri lettori? Sono un infermiere universitario assegnato presso la sala operatoria della chirurgia plastica del Policlinico di Roma. Nel 1994 mentre preparavo delle flebo medicate con un farmaco sperimentale altamente cancerogeno, l’ausiliaria con il giornale in mano […]
  • 425197_3007383555673_1861287401_n Gabriele Tulimyrsky Di Tommaso (11/4/2013) - Ciao Gabriele, grazie per aver accettato di farti intervistare, ci faresti una breve descrizione di te, di cosa fai nella vita e del tuo curriculum formativo e lavorativo? Grazie a te per questa possibilità! Sono Gabriele, infermiere dal 2008, ragazzo come tanti, mi muovo tra musica, fidanzata, amici e amo […]
  • download Ciro Carbone (2/26/2014) - Dott. Carbone si presenta ai Ns lettori? Sono il Presidente del Collegio Provinciale di Napoli e il Direttore Editoriale della rivista “NapoliSana“, oltre che Consigliere della Federezione Nazionale Collegi IPASVI. Di recente sono entrato a far parte del board della FEPI – European Council of Nursing Regulators. Attualmente sono Direttore […]
  • fototessera_degano Andrea Degano (10/21/2013) - Ciao Andrea, grazie per aver accettato di farti intervistare, ci faresti una breve descrizione di te, di cosa fai nella vita e del tuo curriculum formativo e lavorativo? Cercherò di essere molto sintetico. La mia vita in breve: ho 34 anni, vivo nelle Marche, sono sposato ed ho una figlia. […]